Che cos’è
il tempo?

Einstein – Bergson: 100 anni dopo

L’Aquila, 2-6 Aprile 2019

Tra i progetti che finanziamo, il convegno “Che cos’è il tempo? Einstein – Bergson: 100 anni dopo” sostiene il riavvicinamento tra il linguaggio scientifico e quello filosofico attorno ad un tema universale, al quale entrambi continuano a non trovare risposte sufficienti: il tempo. Quasi un secolo prima il dibattito ha provato ad aprirsi a Parigi, il 6 Aprile 1922, con l’incontro tra lo scienziato più famoso del ‘900, Albert Einstein, ed uno dei più noti filosofi contemporanei, Henri Bergson. Allora come prima, il tempo ha continuato ad essere indagato in maniera specifica e unidirezionale dalle singole discipline, mentre pochi sono stati i tentativi per contaminare quello che necessariamente va interpretato come un dibattito interdisciplinare a cui possono avvicinarsi in contemporanea scienza e filosofia. Ed è proprio questa la strada che oggi la ricerca deve perseguire.

Sulla scia di questo ricco e fervido dialogo, oltrepassando la conflittualità che è alle base di questa dialettica, l’Università degli Studi dell’Aquila e il Gran Sasso Science Institute hanno indetto quattro giorni di convegni, durante i quali verrà esposto il programma per gli Assegni di ricerca sul tema. Dal 2 al 6 Aprile 2019, il dibattito si riaprirà e avrà modo di porre nuovi interrogativi per ampliare e rimodulare il discorso sulla temporalità. Rilevante a tal fine, è il ruolo della città de L’Aquila, che durante il convegno celebra un altro anniversario: a 10 anni dalla frattura che si è aperta nel cuore della terra, la città sarà impegnata a ricucire un’altra rottura: scienza e filosofia.